Il Duomo

Il Duomo di Santo Stefano è il più antico monumento di Caorle e domina Piazza Vescovado, nel cuore del centro storico; insieme al famoso campanile cilindrico, la basilica è l’importante testimonianza delle remote origini della città e delle diverse fasi storiche vissute dalla stessa, come dimostrano i diversi restauri che ne hanno modificato l’aspetto nel corso dei secoli.

La struttura visibile oggi è stata eretta nel 1038 sulle rovine di una preesistente basilica paleocristiana del VII secolo circa, dalla quale riprende alcuni particolari bizantino-ravennati; successivamente, a causa delle invasioni barbariche che imperversavano nella vicina Concordia, Caorle è diventata sede vescovile fino al 1807. Durante questo periodo, i numerosi vescovi hanno lasciato diverse testimonianze del loro operato, dagli stemmi ai dipinti ed affreschi, ma anche sculture in ricordo di particolari eventi e, addirittura, tombe che alcuni di loro hanno voluto all’interno della cattedrale.

Il Duomo di Santo Stefano presenta una pianta a tre navate e, come tutti gli edifici sacri, per tradizione è orientato da ovest a est; una facciata della Basilica riprende prevalentemente i canoni classici dello stile romanico, la cui semplicità costruttiva non lesina fascino e bellezza. Fin dall'esterno, resterai catturato dalle forme semplici e massicce della struttura, enfatizzata dalla presenza di grandi architravi che sormontano le tre porte d’entrata: quelle delle navate minori, più piccole e poste sotto un rosone di medie dimensione, sono le coprotagoniste della grande porta centrale, sovrastata da due rosoni e custodita da due bassorilievi bizantini del XII secolo che ritraggono Sant'Agatonico, a sinistra, e San Teodoro, a destra.

L'interno è tutto da scoprire! Fra vari affreschi del XIV secoli, grandi dipinti, splendide sculture ed antiche reliquie, le navate sono divise da file di imponenti colonne e magnifici pilastri che sostengono ampi archi a tutto sesto che porteranno il tuo sguardo verso il candido soffitto in capriate e semi capriate lignee. È impossibile non notare il grande crocifisso quattrocentesco, sospeso sopra il grande abside centrale ed illuminato da bellissime lampade in stile bizantino; altrettanto difficile è non farsi rapire dalla bellezza della Pala d'Oro esposta sopra l’altare principale, una magnifica pala di argento dorato sbalzato e cesellato che raffigura scene classiche della Religione Cattolica e, si narra, sia dono della regina di Cipro Caterina Cornaro. Ancora, all’interno del Duomo troverai il vaso greco del VI secolo, detto "Idria di Cana", oppure l’ara romana del I secolo, appartenuta alla famiglia dei Licovi, la Fonte Battesimale del 1587 e l’affresco di Santa Lucia. Nella navata destra, inoltre, è custodita la tela più preziosa: “L’Ultima Cena” di Gregorio Lazzarini, il maestro del famoso artista Tiepolo; invece, nella navata di sinistra, in prossimità del piccolo abside, è posto il quadro del “Salvataggio di Pietro” che, secondo alcuni storici, va attribuito alle mani del Tiziano, mentre per altri è comunque riconducibile alla sua scuola. Poi, ci sono altre numerosissime opere artistiche conservate all’interno della basilica o nel vicino Museo Parrocchiale: l’unico modo per conoscerle è visitarle!

Il Campanile

Inserito nel moderno complesso di Piazza Vescovado, il campanile cilindrico si innalza nel cielo e risulta visibile anche a chilometri di distanza, diventando il simbolo di Caorle più riconoscibile ed amato. Risalente anch’esso agli inizi del XI secolo, è alto quasi 50 metri mentre la sua forma cilindrica sormontata da cuspide conica lo rende unico al mondo, per struttura architettonica ed età storica. Risultato di una contaminazione fra le correnti artistiche bizantine e ravennate, l'alternarsi armonioso di bifore, monofore e colonnine lo rende uno splendido esempio di stile romanico.

Un’altra singolarità che caratterizza il famoso campanile è la particolarità delle tecniche di lavorazione ed i materiali utilizzati: mentre i mattoni presentano la testa arrotondata a "osso di pesca", la base è stata costruita in conci di pietra d'Istria e il resto in mattoni rossi con particolari cornici alle basi delle finestre e della cuspide.

In alto, la loggia campanaria presenta quattro grandi bifore ed è separata esternamente dal resto del tronco da una modanatura a triangoli rovesciati; qui, trovano spazio tre grandi campane decorate che, grazie al loro diverso diametro, regalano un suono magico e preciso, scandendo il passare del tempo e informando gli abitanti sull’unicità di alcuni eventi.

 

Sabato

Max 32/34 °C

Dom
Lun
Mar
Mer

Webcam - presto disponibile